Notizie

News dal mondo delle poste, del franchising e dei servizi finanziari e di pagamento

La carica delle mini privatizzazioni

29 luglio 2008

Nel carniere non c’è molto e pensare di abbattere la montagna del debito pubblico con quanto lo stato può realizzare vendendo le aziende che ancora controlla è più che mai una chimera. Giulio Tremonti lo sa benissimo e infatti le due paginette che il Dpef dedica alle privatizzazioni sono improntate ad uno scarno realismo. Eni, Enel e Finmeccanica non si toccano, né alcuno lo aveva ipotizzato e le Ferrovie hanno ancora un lungo percorso davanti prima di poter affrontare il mercato finanziario. Quel che resta sono Poste Italiane, l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e Sace, possedute direttamente dal Tesoro, nonché Fincantieri e Tirrenia, possedute indirettamente tramite Fintecna. In termini di valori, il boccone principale sono le Poste, ma si tratta di una questione complicata assai. Quello che vale delle Poste è l’attività bancaria, che viene svolta attraverso la capillare rete di sportelli attraverso i quali si fa anche il servizio postale vero e proprio. Una scissione tra le due attività è particolarmente complessa (si dovrebbero definire le quote di personale che vanno a ciascun settore, nonché gli spazi negli sportelli e quant’altro) e forse neanche auspicabile. E in più, all’interno dell’attività bancaria stessa c’è il fatto che il risparmio postale che passa attraverso quegli sportelli viene poi gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti per finanziare gli enti locali e dalla Tesoreria centrale dello Stato. Quindi di privatizzazione si può anche parlare ma prima di arrivarci ci sono nodi normativi e organizzativi assai complicati da sciogliere e, soprattutto, da sciogliere senza fare danni. Oltre alle Poste, e lasciando da parte Alitalia, che difficilmente porterà qualcosa nelle casse dello Stato, l’unico altro boccone che ha un valore significativo è la Sace, partecipazione ben patrimonializzata (5,8 miliardi) e redditizia (377 milioni di euro l’utile del 2007)....... AFFARI E FINANZA ultimo aggiornamento 30 Giugno 2008 MARCO PANARA

Facebook
Notizie

Accedi alla rassegna stampa >>

Copyright © 2000 Mail Express Poste Private S.r.l. Franchising - P.IVA 01436910671 - R.E.A. RM-1437772 - Tel. 085.90.40.350 -info@mailexpress.it - amministrazione@pec.mailexpress.it - Capitale sociale €102.500,00 i.v. - Titolare autorizzazione generale e Licenza individuale del Ministero delle Comunicazioni - Sottoposta a direzione e coordinamento di Mail Express Group srl

Informativa privacy | Informativa cookies