Notizie

News dal mondo delle poste, del franchising e dei servizi finanziari e di pagamento

Sanatoria con moduli fantasma

22 agosto 2009

«La sensazione è che i datori siano ancora al mare: leggono i giornali, ascoltano la tv, stanno cercando di capire come si fa. Gli immigrati prendono informazioni con il passaparola, l'amico, molti vengono qui. Credo che sarà una cosa imponente». La previsione di Maurizio Crippa, responsabile immigrazione della Camera del lavoro di Milano, si basa sul fatto che nell'ultima settimana ha contato un centinaio di lavoratori irregolari al giorno in cerca di notizie sulla sanatoria di colf e badanti. La Cgil di Porta Vittoria è un buon punto di osservazione: per il decreto flussi 2007 che fissava il limite di 170mila posti in tutto il paese (65mila solo per colf e badanti), ha inoltrato al sito del Viminale «80mila pratiche». Calma piatta agli sportelli Sarà forse una cosa imponente - il ministero dell'Interno calcola tra le 500mila e le 750mila domande che porterebbero nelle casse dello stato 1,6 miliardi nel primo anno di lavoro - ma per ora agli sportelli è calma piatta. Ieri era il primo giorno in cui poteva essere pagato il forfait di 500 euro che sana il lavoro clandestino dal 1° aprile al 30 giugno (una finzione di legge in realtà, perché non c'è modo di verificare il lavoro sommerso e la sua durata). Ma agli uffici postali delle città più grandi non c'era nessuno (si veda l'articolo a fianco). Le Poste e l'F24 Milano, caldissima e semideserta, non fa eccezione. La posta centrale come l'ufficio postale di piazzale Maciachini, zona in cui le teste velate sono quasi quanto quelle scoperte, è vuoto. Ma attaccata al vetro c'è la notizia del giorno: gli F24 con cui pagare i 500 euro di forfait, passo obbligatorio che precede l'invio della domanda online possibile dal 1° al 30 settembre, non ci sono. Né ci saranno la prossima settimana, quando si prevede la prima ondata agli sportelli di poste e banche. Poste italiane fa sapere che il modello, non il solito F24 ma una versione diversa pensata per l'occasione, è scaricabile solo da internet sui siti di agenzia delle Entrate, ministeri dell'Interno e del Lavoro e Inps. A Roma alcuni uffici postali hanno scaricato e fotocopiato il modulo «come cortesia agli utenti e per offrire un servizio in più ai cittadini». La conta del 1° settembre Il giorno in cui si capirà la portata della sanatoria decisa con la manovra anticrisi di luglio sarà il 1° settembre, giorno da cui è possibile inviare le domande online al sito del ministero. Una grossa parte delle richieste potrebbe arrivare da chi non è rientrato nel decreto flussi 2007. Molti non hanno ricevuto risposta e possono rifare domanda (la vecchia sarà annullata, verrà esaminata la nuova). Certo è che la diminuzione delle assunzioni di lavoratori immigrati prevista da Unioncamere non riguarda le badanti, immuni alla crisi. Finte colf? L'Arci intanto parla di finte colf. «Dai dati raccolti ai nostri sportelli, circa la metà di quanti chiedono informazioni per la sanatoria, in realtà danno lavoro a lavoratori di altro tipo» dice Filippo Miraglia, responsabile immigrazione. «Per una grossa fetta - continua - la sanatoria sarà una regolarizzazione di false colf e badanti». Sarebbe già in atto «un giro di posti fasulli e relativa regolarizzazione messi in vendita: costano fino a 5mila euro». Miraglia denuncia che molti potrebbero «tentare di far passare un muratore, finora pagato in nero, per un collaboratore familiare. Dopo poco tempo, una volta fatta e accettata la domanda di regolarizzazione, nulla impedirà a quel datore di lavoro di far riprendere al proprio addetto la precedente mansione». Conclude: «Sappiamo di persone che si fanno pagare dai 3mila ai 5mila euro per vendere un posto di lavoro fasullo, e tutta la documentazione necessaria alla regolarizzazione». ILSOLE24ORE.COM 22 agosto 2009 di Angela Manganaro

Facebook
Notizie

Accedi alla rassegna stampa >>

Copyright © 2000 Mail Express Poste Private S.r.l. Franchising - P.IVA 01436910671 - R.E.A. RM-1437772 - Tel. 085.90.40.350 -info@mailexpress.it - amministrazione@pec.mailexpress.it - Capitale sociale €102.500,00 i.v. - Titolare autorizzazione generale e Licenza individuale del Ministero delle Comunicazioni - sottoposta a direzione e coordinamento di Lepido Italia srl

Informativa privacy | Informativa cookies