Notizie

News dal mondo delle poste, del franchising e dei servizi finanziari e di pagamento

Nuovo corso per le poste sammarinesi

28 marzo 2008

Arriva la 13esima banca a San Marino e si chiama: “Poste sammarinesi”. Non avrà tutti i servizi che forniscono gli istituti di credito, mancheranno insomma mutui e fondi di investimento, ma per il resto, come conti correnti, carte di credito, pagamento di tasse e bollettini delle utenze, sarà in tutto e per tutto come una banca. (…) A darne ufficialmente notizia, dopo le anticipazioni di San Marino OGGI, ieri il segretario di Stato alle finanze Stefano Macina e il direttore delle Poste, Rosa Zafferani in occasione del primo passaggio verso questo nuovo corso delle poste sammarinesi, ossia l’informatizzazione e l’automazione dei vari uffici. “Si tratta di un progetto complessivo - ha spiegato il segretario Macina - che rientra nell’ambito del programma economico già approvato per il 2008”. Le Poste, secondo le indicazioni del governo, saranno quindi svincolate dalla Pubblica amministrazione anche se non proprio privatizzate del tutto. “Saranno svincolate dalla Pa - ha dichiarato Macina - ma manterranno sempre una forma pubblica. Sarà una struttura operativa autonoma ma disciplinata. Dobbiamo ancora però valutare la formula migliore, se quella di un Ente, come per i Giochi, oppure di una Spa. Di certo non si potrà liberalizzare tutto il settore postale”.(…) L’ostacolo più grosso rimane ora la revisione della convenzione con l’Italia, che blocca attualmente tutto lo sviluppo del settore postale sammarinese, non solo di quello futuro rivolto ai servizi finanziari, ma anche di quello legato alla corrispondenza. “La convenzione - spiega Rosa Zafferani - risale al 1923 ed ha privato le poste sammarinesi dell’autonomia necessaria. Siamo in ritardo in questo processo di sviluppo del settore, vicino a noi, ad esempio, Poste italiane ha fatto passi da gigante. (…) Il primo passo per questo nuovo corso - iniziato con la delibera del 22 dicembre del 2006 e continuato con la delibera del 3 dicembre 2007 - è l’automatizzazione e l’informatizzazione di tutti i processi postali, consentendo non solo la tracciabilità di tutti i passaggi della corrispondenza, ma anche la contabilizzazione delle attività di cassa, compresa la parte che - in base alla convenzione - viene girata in giornata a Poste italiane. L’elaborazione del programma per gestire tutto, della manutenzione per i prossimi tre anni, e di tutte le apparecchiature, come computer, bilance e macchine affrancatrici, costa a San Marino circa 150mila euro.(…) Sarà anche superato quindi, il problema della doppia contabilità, quella cioè interna alle Poste sammarinesi, e quella per i rapporti con Poste italiane. Doppia contabilità che è stata fino ad oggi tenuta a mano, mentre da domani sarà automatizzata. E non si tratta di numeri di poco conto dato che nel 2007 le transazioni finanziarie con l’Italia, hanno registrato incassi per 16 milioni e 500mila euro e uscite per 12 milioni e 400mila euro, riguardanti vaglia, bollettini e pensioni. Ora la parola passa all’Italia e alla rinegoziazione della convenzione. (…) San Marino conta quindi di attivare i nuovi servizi a partire già dal 2009. FRAC – SanMarinoOGGI SAN marino notizie - 27-3-08 ECONOMIA -

Facebook
Notizie

Accedi alla rassegna stampa >>

Copyright © 2000 Mail Express Poste Private S.r.l. Franchising - P.IVA 01436910671 - R.E.A. RM-1437772 - Tel. 085.90.40.350 -info@mailexpress.it - amministrazione@pec.mailexpress.it - Capitale sociale €102.500,00 i.v. - Titolare autorizzazione generale e Licenza individuale del Ministero delle Comunicazioni - Sottoposta a direzione e coordinamento di Mail Express Group srl

Informativa privacy | Informativa cookies