Notizie

News dal mondo delle poste, del franchising e dei servizi finanziari e di pagamento

La Corte Costituzionale salva i precariA rivolgersi alla Consulta era stata la Corte d'appello di Bari

07 luglio 2009

La Corte Costituzionale salva i precariA rivolgersi alla Consulta era stata la Corte d'appello di Bari La Consulta boccerà la norma: costrasta il principio di uguaglianza La Cgil: sentenza giusta e doverosa La Corte Costituzionale si avvia a bocciare la norma anti-precari che, nell’agosto dello scorso anno, ha tentato di arginare gli effetti dei numerosi ricorsi dei lavoratori a termine delle Poste che si erano rivolti al giudice per ottenere un’assunzione a tempo indeterminato. Una norma inclusa nella manovra della scorsa estate e su cui erano già sorti dubbi di costituzionalità, dubbi ritenuti non infondati dalla corte d’appello di Bari che, ad ottobre, si era rivolta alla Consulta per decidere sulla legittimità della norma sollevata dal legale di una dipendente di Poste Italiane. Secondo indiscrezioni apprese dall’agenzia di stampa Ansa, la Corte avrebbe deciso che la norma sarebbe in contrasto con il principio di uguaglianza in quanto prevede un trattamento diverso per le violazioni della legge sul contratto di lavoro tra lavoratori che hanno fatto causa prima o dopo il 22 agosto del 2008. La norma contestata prevede infatti che al lavoratore con un giudizio pendente a quella data non spetti l’assunzione a tempo indeterminato e il risarcimento delle retribuzioni maturate bensì un indennizzo di importo compreso tra un minimo di 2,5 e un massimo di sei mensilità dell’ultima busta paga. Il diritto all’assunzione non viene toccato, invece, per chi ha deciso di fare causa dopo il 22 agosto. «La sentenza sui precari che starebbe per essere ufficializzata dalla Consulta è giusta e doverosa», commenta il segretario generale della Slc Cgil, Emilio Miceli, secondo il quale «Poste Italiane aveva immaginato una sorta di ’articolo 18 dei precarì, pensando che si potessero monetizzare in luogo dell’assunzione le sentenze di reintegro dei giudici». È una sentenza che «elimina una disuguaglianza di trattamento tra lavoratori che avevano presentato lo stesso riscorso ma che sarebbero andati incontro a una risposta differenziata per il semplice fatto di aver consultato il giudice in date diverse», afferma anche il segretario nazionale Ugl comunicazioni, Salvatore Muscarella. Ma a puntare l’indice contro la prevedibilità della pronuncia della Corte è l’opposizione. «È una buona notizia», commenta il leader dell’Idv, Antonio di Pietro, che imputa al governo di continuare a «calpestare i principi della Costituzione», di rimanere «sordo, incurante dei posti di lavoro a rischio e della disparità creata tra i lavoratori». «L’arroganza e il dilettantismo dell’esecutivo sono stati bloccati» e «ancora una volta è la Corte Costituzionale a dichiarare illegittima una misura voluta dal governo», afferma anche il responsabile lavoro del Pd, Cesare Damiano. LA STAMPA 6/7/2009 (22:6) - IL CASO

Facebook
Notizie

Accedi alla rassegna stampa >>

Copyright © 2000 Mail Express Poste Private S.r.l. Franchising - P.IVA 01436910671 - R.E.A. RM-1437772 - Tel. 085.90.40.350 -info@mailexpress.it - amministrazione@pec.mailexpress.it - Capitale sociale €102.500,00 i.v. - Titolare autorizzazione generale e Licenza individuale del Ministero delle Comunicazioni - sottoposta a direzione e coordinamento di Lepido Italia srl

Informativa privacy | Informativa cookies