Notizie

News dal mondo delle poste, del franchising e dei servizi finanziari e di pagamento

Poste, la concorrenza si fa accesa

12 aprile 2009

Le strategia delle società di recapito in attesa della completa liberalizzazione, prevista nel 2011 La partita tra operatori si gioca su puntualità e tariffe Puntualità del recapito in calo e tariffe alte potrebbero essere il tallone di Achille delle Poste italiane. Pronte a sfruttare queste criticità sono le poste private autorizzate dal ministero delle comunicazioni, che ogni giorno tentano di sottrarre una fetta dei volumi di posta (lettere, raccomandate, pacchi) . Le lettere più care d'Europa. I servizi postali italiani del servizio universale sono i più cari d'Europa. A sostenerlo è stato, a ottobre scorso, Anacom (garante portoghese delle comunicazioni, la loro Agcom), che ha pubblicato un rapporto nel quale mette a confronto i prezzi dei servizi postali nei paesi europei. E dal quale si rileva che, tanto nel comparto della corrispondenza quanto in quello dei pacchi, Poste italiane si piazza nelle zone alte della classifica. Con riferimento alla posta prioritaria fino a 20 grammi, la tariffa italiana di 60 centesimi di euro vale il quinto posto e un margine del 25% sulla media europea. Ancor meno lusinghiero il confronto su spedizioni da 50 grammi o 100 grammi, che ci vede rispettivamente al primo e secondo posto. Ancor più marcata la differenza tra le tariffe d'invio di un pacco di 2 chili in Italia e in Europa, che si attesta al 53%. Con questi livelli di prezzo si ottiene un servizio di qualità? La puntualità nel recapito di lettere e pacchi sta perdendo smalto: si è passati dal 90% di consegna nel giorno seguente del 2002 all'88% del 2007. E c'è anche chi dubita di questo dato, come si evince dall'analisi effettuata dall'istituto Bruno Leoni. Per due ragioni: la società investita del monitoraggio delle prestazioni di Poste italiane (Izi) che ha certificato questo dato è stata selezionata dal ministero dello sviluppo economico ed è remunerata dalla stessa Poste; il Contratto di programma per il triennio 2006-2008 (che prevedeva una soglia minima di puntualità dell'88,5%) è stato siglato solamente il 17/9/2008, al termine del triennio; e con ciò le soglie minime della qualità del servizio sono state stabilite successivamente. Se si abbassa la puntualità, gli utili, al contrario, volano e passano da 22 mln di euro del 2002 agli 883 del 2008. A farli crescere, l'aumento dei clienti pubblici rispetto a quelli privati; gli aumenti tariffari (anch'essi di matrice pubblica) rispetto alla lievitazione dei volumi e i servizi diversi dal recapito (telefonia, energia, polizze, conti correnti, vendita a distanza). E in alcuni casi, accade che si verificano dei sussidi incrociati tra i diversi servizi (proprio Poste mobile è un esempio. Si pensi alla possibilità di pagare i bollettini saltando le file negli uffici postali; quanto meno agevole è il pagamento allo sportello, tanto più allettante diviene il pagamento telefonico). Secondo la Corte dei conti, (relazione di controllo sull'esercizio 2007) i ricavi da servizi postali sono cresciuti del 3,5% a fronte di una contrazione del 17,2% dei pezzi lavorati, beneficiando della rimodulazione tariffaria varata dal governo nel maggio 2006. «Tendenza radicalizzata nell'esercizio 2008», si apprende dallo studio dell'Istituto Bruno Leoni, «che ha visto i ricavi del recapito addirittura calare dello 0,8%». Al contempo, si registrano un ridimensionamento dell'attività postale, che già ora apporta meno di un terzo dei ricavi complessivi, e la corrispettiva espansione dei comparti diversi, all'insegna di un'aggressiva strategia di diversificazione degli investimenti. Un mercato che, per Poste italiane continuerà la sua fase discendente e vedrà ridursi i pezzi movimentati sia per la corrispondenza leggera in monopolio sia per il mercato libero. ItaliaOggi Sette 12/4/2009 ItaliaOggi Sette del 12/4/2009

Facebook
Notizie

Accedi alla rassegna stampa >>

Copyright © 2000 Mail Express Poste Private S.r.l. Franchising - P.IVA 01436910671 - R.E.A. RM-1437772 - Tel. 085.90.40.350 -info@mailexpress.it - amministrazione@pec.mailexpress.it - Capitale sociale €102.500,00 i.v. - Titolare autorizzazione generale e Licenza individuale del Ministero delle Comunicazioni - Sottoposta a direzione e coordinamento di Mail Express Group srl

Informativa privacy | Informativa cookies