Notizie

News dal mondo delle poste, del franchising e dei servizi finanziari e di pagamento

“AAA CERCANSI DUEMILA POSTINI”

04 settembre 1998

ROMA – Mail Express, prima concorrente privata, pronta a strappare portalettere alle Poste. Se siete dipendenti delle Poste e temete che i bilancini rosso e le drastiche cure aziendali possano avere effetti dirompenti sul vostro posto di lavoro non disperate. L’alternativa c’è: passare ai privati e fare domanda d’assunzione a Mail Express network in franchising – prima rete in Italia a fare concorrenza all’azienda guidata da Corrado Passera – nata a metà luglio a Mosciano Sant’Angelo, provincia di Teramo. La società, una srl che spera di trasformarsi in spa entro l’anno, sta cercando 2000 dipendenti da impiegare nelle 150 agenzie in franchising sparse in tutta Italia e li cerca, possibilmente, con esperienza sul campo. Per la maggior parte ex portalettere, magari con tre anni di servizio, più di duecento persone fra amministrativi e informatici. La ricerca è frenetica: i 2nuovi” dovranno essere operativi entro la fine dell’anno e assunti in qualità di socio-lavoratore da un Consorzio di cooperative che farà capo alle agenzie. L’obiettivo di Bachisio Ledda, general manager della Mail Express, azienda a conduzione quasi familiare (amministratore unico è la figlia ventenne) è infatti quello di arrivare a 515 agenzie e una copertura quasi totale del territorio entro il Duemila. Giusto in tempo per far concorrenza alle Poste anche sulla normale corrispondenza, l’unico servizio che per il momento, in attesa della liberalizzazione, Mail Express non può fornire. “Gli ex dipendenti Poste sono i benvenuti – dice Ledda – purché decisi a sposare una mentalità privatistica. Sono sicuro che molti sono pronti già a farlo. Le possibilità di far conoscere questa azienda sono molte e noi, non avendo sulle spalle 177mila addetti, possiamo offrire prezzi e tempi dimezzati rispetto a quelli fornite dalle Poste: dalle 250 alle 280 lire per recapitare le stampe, 4.600 lire per consegnare una raccomandata in tre giorni. Ora serviamo soprattutto le grandi città, ma con i 6 miliardi di investimenti messi in conto per la fine ’99 potremo soddisfare il 50 per cento della popolazione”. Quanto alla “concorrenza” nonostante il rilancio di alcuni servizi (il Consiglio dei ministri ha dato il via libera all’accredito delle pensioni sul conto corrente e libretto di risparmio postale o post card) alle Poste spa la qualità generale lascia a desiderar: l’ultimo caso emblematico si è verificato a Rieti dove per coprire una distanza di cento metri fra mittente e destinatario, una lettera ha impiegato 34 giorni. La rivista interna “Il gabbiano” segnala inoltre che, vista la disastrosa situazione della rete, la sola Sicilia assicura all’azienda 500 miliardi di perdite all’anno. Cifra che, precisa l’azienda, si riferisce al ’97: l’opera di risanamento assicura il vertice, è già avviata. FONTE: LA REPUBBLICA P.zza Indipendenza 11B 00185 Roma

Facebook
Notizie

Accedi alla rassegna stampa >>

Copyright © 2000 Mail Express Poste Private S.r.l. Franchising - P.IVA 01436910671 - R.E.A. RM-1437772 - Tel. 085.90.40.350 -info@mailexpress.it - amministrazione@pec.mailexpress.it - Capitale sociale €102.500,00 i.v. - Titolare autorizzazione generale e Licenza individuale del Ministero delle Comunicazioni - Sottoposta a direzione e coordinamento di Mail Express Group srl

Informativa privacy | Informativa cookies